I capelli sono da sempre il tesoro di ogni donna, per questo motivo si cerca sempre di mantenerli lucidi e corposi. Ciò è possibile attraverso diversi trattamenti di bellezza come maschere, balsami e oli essenziali. Ma quando vogliamo cambiare look o spuntano i primi capelli bianchi, un aiuto valido e sicuro arriva dai prodotti biologicamente certificati, come le tinte naturali.

Le tinte naturali sono una valida alternativa alla tinta permanente, shampoo colorante e tinta semi-permanente. Bisogna sapere che tutte le sostanze chimiche contenute nelle tinte, una volta applicate sui capelli, finiscono nel nostro sangue, poiché aggrediscono la cuticola, squamandola, così che i coloranti penetrano all’interno della corteccia del capello. 

Gli ingredienti

Per riconoscere una tinta naturale bisogna stare molto attenti all’etichetta, valutando attentamente che non vi sia presenza di prodotti nocivi. Solitamente, infatti, le tinte naturali sono prive di ammoniaca, di alcuni metalli come il nichel, di parabeni e di siliconi.  

Tra le sostanze di origine vegetale presenti in una tintura naturale al 100% c’è sicuramente l’henné, un sistema di colorazione molto antico che non solo dona colore ai capelli, ma li arricchisce con riflessi molto intensi, curandone anche la struttura interna. Oltre all’henné possono essere presenti anche altre sostanze fissanti e coloranti che risultano poco pericolose.

Le tinte a base di polvere di henné, pur essendo naturali al 100%, sono altamente coloranti, tanto da riuscire a coprire senza sforzi eccessivi i capelli bianchi o grigi. Inoltre, l’henné ha diverse proprietà che consentono di nutrire il capello, aumentandone il volume e la brillantezza del colore e garantendo una copertura dei capelli fino a 30 gg.

Un altro ingrediente presente nelle tinte naturali può essere la miscela di camomilla, che contiene cassia obovata, camomilla matricaria, rabarbaro officinale e lawsonia, tutti ingredienti che, se messi insieme, possono donare dei riflessi dorati per chi possiede capelli dalle tonalità chiare che vanno dal biondo al castano. La miscela camomilla è anche un’ottima copertura per i capelli bianchi e grigi.  

Ci sono anche tinte naturali composte da mix di polveri di piante (miglio, ulivo, betulla, vinacciolo, ecc.) miscelate con oli essenziali come quello di jojoba, di argan o di lino e proteine di grano, che donano brillantezza al capello.

 Alcuni consigli utili per la cura dei capelli

Molti sono i rimedi naturali che permettono di nutrire, rinvigorire e conferire lucentezza ai capelli. Per prendersi cura dei propri capelli è importante compiere un lavaggio corretto, cercando di rispettare il ph del cuoio capelluto. Per prima cosa bisogna bagnare abbondantemente i capelli; successivamente, applicare un po’ di shampoo e massaggiare delicatamente, lasciando riposare per qualche istante. A questo punto, sciacquare con acqua abbondante e fredda insieme ad aceto e limone (che regalano ai capelli dei riflessi brillanti). 

Per rigenerare i capelli, dopo lo shampoo, è indicato applicare del balsamo e lasciarlo in posa per qualche minuto; dopo la posa, risciacquare i capelli con abbondante acqua fredda.

Anche il processo di asciugatura deve essere eseguito con criterio. Una volta terminato il lavaggio, asciugare i capelli con un panno senza sfregarli, ma tamponandoli delicatamente. Una volta assorbito l’eccesso di acqua dai capelli e dopo averli pettinati con cura si può passare all’asciugatura con phon. L’ideale è un phon con diffusore, che permette di non concentrare il calore su un’area specifica dei capelli, così da non danneggiare la cute.

Leave A Comment

Your email address will not be published.