Le frange tornano sulle passerelle della Primavera/ Estate 2018 ed in giro per le strade con colori, lavorazioni e misure mai viste prima.

La loro storia si perde nel tempo. Ma da dove nascono? E’ un elemento decorativo nato in Mesopotamia e passato per gli Indiani Americani. L’iconografia più famosa, però, risale alle tribù degli Indiani d’America che utlizzavano le frange tanto nell’abbigliamento quanto negli accessori. Pelle e camoscio erano i materiali sfrangiati più ricorrenti: la lavorazione a strisce, poi, è dovuta alla praticità di non dover ricorrere alle cuciture e in più alla protezione dal freddo che i lembi variegati donano al corpo umano.

Qual è il momento d’oro delle frange?

Gli anni ’20 del secolo scorso sono stati il decennio più fortunato per le frange e il loro utilizzo all’interno dell’abbigliamento. Questo ornamento viene ripreso soprattutto negli abiti per il Charleston, infatti enfatizzano i movimenti sincopati di questo ballo.

E negli anni ’70 vi fu il successore mondo hippie in cui le frange tornano all’inizio degli anni Settanta del secolo scorso per definire un’epoca, ovvero quella della contestazione e dell’emancipazione dal costume del passato.

E nel 2018? Vi è il vero e proprio ritorno delle frange!

Aggiungono quell’allure boho davvero irresistibile a tutti i look e si declinano su una serie di capi ed accessori a cui è veramente difficile resistere. E con la stagione dei concerti all’aperto e dei festival musicali alle porte, quale idea migliore che ispirarsi allo stile Coachella che, guarda caso, le vede protagoniste indiscusse?

Se abiti e capispalla vi sembrano troppo impegnativi, potete puntare anche solo su un semplice dettaglio, come i sandali multicolor o la tracolla in pelle, che regalano il giusto movimento all’insieme.

Dove le ho scelte?

Da Kik!

C’è una gonna davvero bellissima sui toni del bianco che mi regala un allure dallo stile boho-chic.  Crea movimento, donando alla silhouette forme nuove ad ogni tuo passo o movenza.

Tags

#KIK

Leave A Comment

Your email address will not be published.

2 Responses to “Le frange: must have 2018”