Minimalismo?

Io ti adoro! Tutti che impazziscono per lo stile minimal, tutti che lo amano e lo rincorrono e nessuno che cerca altro… Ma da dove nasce lo stile minimalista?

Lo stile d’arredo minimalista nasce da una corrente filosofico-artistica apparsa negli anni ’60. Dal carattere forte questa nuova corrente rinuncia ai fronzoli, al plus e al “di più”. C’è spazio per guardare, spazio per “avere spazio”, per essere liberi, di muoversi, di respirare, di osservare, di avere luce.

Qual è l’obiettivo?

L’obiettivo dello stile d’arredo minimal è quello di risultare estremamente funzionale e pratico: ci sono poche superfici da pulire facilmente, nessun disordine, ogni cosa a portata di mano e in luoghi ben definiti e non esiste nessun eccesso scomodo o inutile. Per questo lo stile minimal ben si sposa con le abitudini del vivere moderno, dove gli spazi sono sempre più ridotti per necessità soprattutto economiche, dove i tempi sono ugualmente ristretti e dove non ci si può soffermare molto su dettagli poco pratici e su una casa troppo difficile da pulire e da tenere in ordine.

Quali sono i tratti distintivi?

  • materiali innovativi
  • forme lineari e semplici, spesso squadrate
  • colori sobri o per lo più neutri
  • estrema funzionalità
  • ingombro minimo dello spazio
  • integrazione massima con sistemi tecnologici, elettrodomestici e innovazione
  • assenza quasi totale di decori

Nello stile minimalista i materiali sono per lo più di produzione industriale o comunque ispirati all’innovazione. I materiali, in accordo con la filosofia e la pragmaticità minimalista, devono essere resistenti a molte sollecitazioni e facili da pulire, caratteristiche ottenibili quasi sempre tramite un accurato trattamento chimico in fase di produzione.

 

 

Westwing Italia

Westwing Italia

Westwing Italia

Westwing Italia

Westwing Italia

 

 

Quali sono le forme?

Nello stile minimalista le forme sono nette e definite, riconoscibilissime e riconducibili tutte alla regolarità della geometria: quadrati, rettangoli, triangoli, ellissi, quindi cubi e parallelepipedi, mai uniti fra loro.

Quali sono i colori?

Nello stile minimal, i colori sono anch’essi ridotti al minimo. O al massimo, se consideriamo il bianco e il nero come la summa di tutta la scala cromatica. Infatti sono bianco e nero a prevalere, seguiti subito da un grigio unificante e perfettamente discreto. Gli unici altri colori ammessi in questo stile sono quelli che ricordano la terra o la sabbia, dal beige all’ocra al marrone. Colori vivi e accesi non fanno parte di questo stile, anche se definiti contemporanei. Il rosso è un colore molto usato come perfetto contraltare del bianco e del grigio, ad esempio.

Quali sono i decori?

Lo stile minimal non prevede quasi nessun tipo di decorazioni. Nessun suppellettile, nessun soprammobile, nessuna nota di colore acceso. Le decorazioni concesse possono essere quadri o poster per lo più astratti, possibilmente sovradimensionati e rigorosamente senza cornice né vetro; oppure sculture contemporanee, in numero ridotto. Anche i tessuti sono ridotti al minimo, considerati per lo più baluardo di uno stile classicheggiante e prettamente decorativo.

E la luce?

Ci sono superfici trasparenti e grandi vetrate in quanto la trasparenza di grandi vetrate implementa l’ariosità e la luminosità del soggiorno. Bisogna scegliere pochi elementi ornamentali in linea con i complementi delle stanze e di mantenerli affini per forma, colore e quantità, agli ambienti domestici minimalisti.

Leave A Comment

Your email address will not be published.

2 Responses to “Minimal: lo stile per la mia casa”