Il modo di comunicare di un uomo è spesso profondamente diverso da quello di una donna.Anche se l’obiettivo è lo stesso gli stili sono differenti, quasi come se voi uomini parlaste un’altra lingua rispetto a quella delle donne. A dimostrarlo sono studi di settore come quello messo a punto dalla linguista americana Deborah Tannen, che sottolinea come uomini e donne intraprendono strade espressive diverse, spesso per ottenere lo stesso fine. Dopo trent’anni di analisi la studiosa è arrivata a chiarire che gli uomini nel discorrere puntano essenzialmente sulla gerarchia, privilegiando la competizione e il potere, mentre le donne si focalizzano sulla connessione, sulla possibilità di entrare in contatto con l’altro attraverso il dialogo. Ed è proprio per questo motivo che spesso, dopo pochi minuti di conversazione, un uomo non sa  più di cosa parlare con una ragazza.

 

La ragazza lo percepisce immediatamente e se l’interesse nei confronti di colui che ha davanti non è molto elevato, non vede l’ora di interrompere e di fuggire a gambe levate.

I motivi del calo d’interesse nel dialogo

Di norma i ragazzi, ma anche gli uomini, non sanno relazionarsi efficacemente con una rappresentante del sesso opposto. Il motivo della mancanza di dialogo è il loro modo di restare troppo concentrati su sé stessi, talvolta anche per la paura di commettere passi falsi e perdere terreno. Ma queste paure spesso fanno crollare miseramente il dialogo, e il confronto prende una piega negativa e fra le parti manca inevitabilmente l’appeal. Perché il dialogo risulti interessante non è soltanto l’argomento a dare rilievo al confronto ma ancora di più come le cose vengono dette. Il 90% della comunicazione avviene per una via che non è quella verbale, ma piuttosto quella del corpo, condizionata quindi dal modo di esprimersi, dall’inflessione e dalle tonalità usate quando si parla. Talvolta quindi ad impressionare benevolmente non è soltanto quel che si dice, ma come lo si dice.

Il dialogo funziona se si è davvero presenti 

Il successo del dialogo deriva dall’essere veramente presenti, facendo attenzione a non lasciarsi distrarre e subire le influenze dell’ambiente che ci circonda. Guai a guardare un’altra figura femminile che passa mentre siete impegnati nel dialogo con una ragazza, non risultereste credibili. Poca credibilità anche se vi soffermate a guardare la tv accesa, oppure vi impegnate a controllare la vostra pagina Facebook. Essere presenti totalmente, al 100%, aiuta il dialogo perché facilita la connessione e saper che cosa dire diventa più facile.

Le ragazze amano un uomo sicuro di sé, ma guai a prendersi troppo sul serio

Chi si dimostra sicuro si se, ha più facilità nel trovare argomenti di conversazione ed esprime con convinzione le proprie opinioni, risultando perfettamente credibile. Il confronto vivace fa aumentare la tensione fra un uomo e una donna, e spesso spostare in maniera convincente il discorso, considerando un argomento come il sesso, fa succedere tutto ancora più in fretta. Tutto però deve procedere nella maniera più appropriata, senza tensioni o espressioni poco eleganti, con le giuste pause senza spingere troppo sull’acceleratore. La conversazione deve essere piacevole, magari cadenzata da momenti scherzosi ed ironici, prendersi troppo sul serio è un errore imperdonabile.

Leave A Comment

Your email address will not be published.