Il profumo è uno dei complementi del nostro abbigliamento più invisibile eppure più di impatto. Si sa che tutto ciò che siamo in grado di comunicare in modo impercettibile è anche ciò che colpisce più di noi, e in questo gioco di detto/non detto, il profumo ha un ruolo fondamentale, da protagonista si potrebbe dire. 

Una fragranza troppo decisa o acre, potrà trasmettere un’idea di noi di persone dal carattere forte, risoluto, una roccia. Di converso, delle note più dolci e floreali, vorranno invece dare uno slancio alla femminilità e a tutto il complesso di significati collegato a questo aspetto: dolcezza, fragilità, seduzione. Insomma, il profumo è una delle parti più essenziali di noi, è ciò che resta impresso nella memoria quando viene avvertito anche solo a malapena, come un lampo riporta dinanzi agli occhi quella persona, quegli attimi trascorsi insieme, ricordi carichi di emozioni. Tutto per un semplice odore. 

Scegliere un profumo quindi è un’impresa che non può essere lasciata ad altri, ma deve coinvolgerci in prima persona. Come qualsiasi cosa ci riguarda, anche il profumo non può essere uno per sempre. Riflettendo noi e il nostro modo di porci e di mostrarci, anche la fragranza scelta cambierà con i nostri mutamenti, legati a semplici evoluzioni interiori o a eventi della vita più determinanti e, in quanto tali, capaci di comunicare un’idea diversa di noi. 

È un po’ come innamorarsi, lo si fa conoscendo una persona oppure con il classico colpo di fulmine. Stessa cosa per i profumi: o è un lampo che cattura e non fa pensare ad altro (anche se sarebbe meglio dire non fa sentire altro), oppure è una scelta portata avanti perché si conosce bene quella fragranza, quelle note ricercate in ogni profumo acquistato. 

Se non è un colpo di fulmine ma si vuole avere la possibilità di scegliere, quali sono i passi da seguire?

La prima impressione è quella che conta

Quando si deve scegliere un profumo, è bene lasciarsi guidare dall’istinto. Anche se non si è trovato al primo colpo quello perfetto, meglio comunque mettere da parte quelli che hanno colpito il nostro olfatto, che hanno catturato la nostra attenzione emotiva. 

Per avere un giudizio quanto più privo di “agenti inquinanti”, per questo primo screening è bene utilizzare il cartoncino per annusare così le fragranze su una superficie neutra. Tutti i profumi a contatto con la pelle alterano lievemente il loro odore, per non lasciarsi ingannare da questa reazione e avere una prima scrematura oggettiva, bisogna quindi evitare di spruzzare il profumo direttamente addosso.

Il profumo è solo l’ultimo dei nostri odori

Quando si acquista un profumo bisogna tener presente che quest’ultimo andrà a interagire con una serie di prodotti di bellezza che già di per sé alterano il nostro odore. 

È bene quindi valutare le eventuali incongruenze olfattive che potrebbe scatenare la scelta di una fragranza piuttosto che di un’altra a contatto con il nostro bagnoschiuma o con la crema per il corpo, per esempio. Una volta considerato questo elemento, prima di prendere la scelta definita, è bene concedersi una pausa, così da evitare di affaticare il naso ed essere così sicure di prendere la decisione giusta. 

Dove poter trovare tutte le nuance che possono “comunicarci”? Su Francescadelloro.it.

Leave A Comment

Your email address will not be published.

2 Responses to “Come scegliere il profumo perfetto”